Aiutare il vostro bambino a crescere consapevolmente

Aiutare il vostro bambino a crescere consapevolmente

Consigli pratici per i genitori

von Cristina Rebiere

E-Book
70 Seiten
2018 Rebiere
ISBN 6610000059904

6.00 EUR
inklusive Mehrwehrtsteuer
EPUB (mit DRM) sofort downloaden
Downloads sind nur in Italien möglich!

Weitere Informationen

Kurztext / Annotation
Un libro che ha come scopo quello di aiutare i genitori ad adempiere meglio il loro ruolo, a sensibilizzarli sui problemi, ma anche per aiutarli a rendersi conto di quanto siano fortunati a vivere una formidabile avventura con il loro bambino. Se ho scritto questo libro è perché penso che molti genitori vorrebbero conoscere alcuni metodi semplici per superare le loro ansie su questa grande responsabilità. Alcuni vorrebbero cercare di capire quale dovrebbe essere il ruolo di un genitore e come arrivarci.

Altri vorrebbero trovare alcuni punti di riferimento sulla lunga strada del percorso genitoriale, per aiutarli a identificare la loro... Troverete dei suggerimenti e dei trucchi per aiutarvi a capire meglio il vostro bambino, dall'utero della mamma fino all'adolescenza, ma anche per permettervi di aiutare coscientemente il vostro bambino a crescere.

Textauszug
II. Le domande da porsi prima di avere un figlio... e anche dopo averlo messo al mondo

Questo capitolo è per le persone che vogliono divenire genitori, perché è una buona cosa porsi molte domande prima di dare alla luce un bambino.

Scrivo anche per coloro che sono diventati genitori e che non hanno pensato di porsi delle domande, o non abbastanza, o di non aver cercato abbastanza risposte.

Ho incontrato sulla mia strada delle persone che avevano voglia di porsi delle domande e di trovare delle soluzioni, senza necessariamente sapere da dove cominciare... È per aiutare loro che scrivo questo libro.

Sappiate che "non è mai troppo tardi per fare bene"... Eccovi un detto con cui sono d'accordo perché ho riflettuto molto sui significati che può avere.

Non posso dire la stessa cosa di: "chi molto ama ben castiga" che non approvo! È una frase che si sente spesso nella bocca dei genitori... Essere d'accordo con una simile affermazione significa non conoscerne realmente il significato e soprattutto l'applicazione concreta della parola "amore" oltre la semplice dichiarazione d'intenti. Come possiamo voler castigare qualcuno che amiamo?

Ho cercato per molto tempo delle risposte e confesso che se, nel momento in cui ho davvero iniziato a interrogarmi sull'argomento sono caduta nella trappola di accettare questo adagio, è proprio perché siamo tutti vittime di questo tipo di stereotipo, come pecore.

Ho sentito questa espressione agrodolce molte volte nella mia vita, ma non mi ricordo che qualcuno mi abbia mai detto questo a me, cioè di rimproverarmi di aver punito qualcuno "per amore". Recentemente, una persona me l'ha detta che con un duplice significato nel contesto, poiché si riferiva alle sue stesse azioni, ma anche alle mie. Le nostre azioni erano tuttavia molto diverse... All'inizio non protestai, perché per "riflesso gregario" tendevo ad accettare questo detto come vero. Tuttavia, il mio subconscio non era d'accordo e ha ben fatto conoscere la sua disapprovazione alla mia coscienza, chiedendogli di "pensare" sull'argomento per avere un'opinione ben maturata sul fatto se tale affermazione fosse giusta.

Non pensiate che io sia schizofrenica come questa persona avrebbe potuto immaginare e me lo disse un giorno ridendo, perché parlare con sé stessi può essere un dialogo costruttivo. Questo è anche ciò che fa questa stessa persona e ciò che molti di noi fanno, senza nemmeno rendersene conto: il semplice fatto di PENSARE è una conversazione con sé stessi . E a seconda delle diverse discussioni che abbiamo, possiamo avere atteggiamenti molto diversi nei confronti dei nostri interlocutori.

È vero che il "dialogo" tra il conscio e il subconscio non è facile da individuare, da stabilire, ma una volta che avete compreso il meccanismo e che lo mettete in pratica, non sarete più sorpresi di scoprire di avere diverse "persone" dentro di voi. Non gli individui che si confrontano come nel caso della schizofrenia, ma degli "alleati" che sono lì per aiutarvi a essere voi stessi.

Analizzando questo detto ("chi ama molto castiga molto"), mi sono resa conto non solo di non sentire assolutamente il bisogno o il desiderio di punire gli esseri che amo, ma che in aggiunta c'è una contraddizione flagrante tra "castigare" e "amare". Se abbiamo dei sentimenti profondi per qualcuno, non possiamo volerlo mortificare. Se è quello che provate, non è davvero per amore. Aver voglia di punire qualcuno è condannarlo alla sofferenza. Come si può desiderare di vedere soffrire qualcuno che affermate di amare?

La conclusione è ovvia: se qualcuno desidera castigare qualcuno che pensate di amare, significa che c'è un problema!

Cerco di tornare al mio passato per far rivivere la mia memoria, perché penso di aver sentito l'impulso di punire le persone che sostenevo di amare. Non so più f

Beschreibung für Leser
Unterstützte Lesegerätegruppen: PC/MAC/eReader/Tablet

Schlagworte